Cosmofood

mixerplanet.com - “Quella del vino è una categoria importante per i grossisti”. Sul tema Mario Carbone Business Development Manager IRI, va dritto al punto, delineando con pochi tratti l’identikit dl comparto.


“Ce lo dicono chiaramente – continua – le quote di mercato che vedono in testa la birra al 39% seguita da bibite e acqua (rispettivamente al 19% e al 16%) e poi dal vino con un più che soddisfacente 14%”. Escludendo dal nostro esame le bollicine, su cui negli ultimi anni i distributori hanno concentrato la propria attenzione tanto che oggi pesano più del 17% a valore e costituiscono – da sole – oltre 1/4 dell’assortimento di bevande in deposito, vediamo cosa sta accadendo nel mondo dei fermi. “Nel 2018 – riprende Carbone – la situazione climatica ha influito sul comparto, causando un rialzo dei costi della materia prima pari al 25%. Di fatto, tale aumento è stato in parte assorbito dall’industria e dai grossisti, con il risultato che sul punto di consumo si è attestato all’ 11,1%. La conseguenza, inevitabile, è stata un’erosione dei margini. Per il 2019, al contrario, a causa di una situazione più positiva, si prevede invece un recupero di marginalità. 

>>Continua